TORSIONI E DETOX

TORSIONI E DETOX

Come detossinare il corpo con l’aiuto delle torsioni.

Le torsioni nello yoga offrono benefici a tutti i livelli.

Scopri come!

A livello puramente FISICO i benefici delle torsioni sono straordinari: gli organi vengono compressi durante una torsione, spingendo fuori il sangue pieno di sottoprodotti metabolici e tossine.

Quando rilasci la torsione, il sangue fresco fluisce, trasportando ossigeno e gli elementi costitutivi per la guarigione dei tessuti. Inoltre le torsioni sono miracolose anche per la nostra colonna vertebrale e per le articolazioni utilizzate come anche e spalle.

A livello EMOTIVO le torsioni nello yoga agiscono principalmente su Manipura chakra, il plesso solare. Da questo chakra traiamo gran parte della nostra fiducia e del nostro senso di capacità personale.

Quando l’energia fluisce liberamente attraverso e da questo chakra, tendiamo all’ottimismo e a un sano grado di ambizione. Al contrario, un terzo chakra bloccato inibisce la fonte di autostima e di sicurezza. Tra le energie che ricaviamo da questo chakra ci sono la vitalità, il coraggio, la volontà, la concentrazione, la trasformazione positiva dell’ego.

A livello SPIRITUALEle torsioni ci permettono di guardare indietro senza giudizio, per avere al giusta visione di come procedere in avanti. Si dice spesso che il presente è illuminato dalla luce del passato. Guardare indietro per integrare è un primo passo verso la propria crescita personale.

Quando ti liberi dai condizionamenti del passato puoi aprirti a infinite possibilità, che sono già lì per te.

Andiamo ora a vedere insieme due torsione per darci una sferzata di mobilità e di energia!

3 Regole d’oro per fare le torsioni:

1- Allungare al massimo la schiena

2- Sentire la torsione partendo dall’addome

3 – Muovere il bacino e le spalle in direzioni opposte.

Ora partiamo dalla posizione di torsione da sdraiati, che appunto rientra tra quelle più semplici e sicure da eseguire.

Ricorda che il massimo beneficio che puoi ottenere dalle torsioni, ma in generale dalle posizioni yoga, non è nel forzare il limite, ma nel mantenerle a lungo in modo stabile e confortevole.

Jatarasana

Jatarasana: Torsine semplice a terra

Sdraiati a terra e ascolta le parti del corpo in contato col tappetino e fai dei respiri profondi.

Piega la gamba destra e porta il piede destro sul ginocchio sinistro.

Appoggia la mano sinistra sul ginocchio destro e accompagnalo in torsione, ossia a scendere verso sinistra.

La spalla destra deve rimanere bene in appoggio a terra.

Il limite è quando la spalla cercherà di alzarsi, li ti fermi, respiri e mantieni per circa 5-10 respiri.

Poi torni al centro e ripeti dall’altra parte.

Marichyasana, gamba flessa

Marichyasana : Torsione da seduti

1. Siediti in Dandasana e fai in modo che il bacino affondi bene nella terra e la schiena sia dritta e voglia allungarsi verso il cielo.

2. Poggia la mano sinistra a terra e, sollevando il braccio destro, piegati verso sinistra. La mano sinistra è attiva e spinge contro il tappetino. Il gomito è leggermente piegato. Ripeti dall’altro lato.

3. Solleva la gamba destra, piega il ginocchio e porta il piede destro oltre il ginocchio sinistro. Se ti senti troppo compresso nella posa, posiziona il piede destro accanto al ginocchio sinistro e leggermente in avanti.

Più il piede è distante dal bacino, più sarai facilitato nella torsione. Il piede destro, quello appoggiato a terra, resta attivo e spinge leggermente in avanti. Qualsiasi sia la posa perfetta per te, andrà bene

4. Appoggia la mano destra a terra e comincia a fare un piccolo vortice in senso antiorario. Immagina che il tuo corpo voglia toccare le pareti di un vortice, con il petto, con le spalle e con le scapole, creando una vera e propria spirale.

Non è necessario che questo movimento sia particolarmente ampio: l’importante è che senti lavorare i muscoli dell’addome, gli obliqui e i lombi.

5. Quando sentirai che la colonna vertebrale è dritta verso il cielo, lascia appoggiare il gomito del braccio sinistro sulla coscia destra (quella del ginocchio sollevato) e premi leggermente.

Il braccio spinge verso la coscia e la coscia verso il braccio: questa pressione vi permette di ruotare ancora un pochino il busto verso destra e di creare spazio.

Buona Pratica

Olis



Iscriviti alla newsletter

Ai sensi e per gli effetti degli Art. 6 e 13 GDPR – Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (UE 2016/679) dichiaro di aver preso visione dell’informativa di Olis.bio ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali per finalità di iscrizione alla newsletter.